Impianti Dentali Titanio

1. Cos’ è un impianto dentale?

Gli impianti dentali sono la soluzione più semplice e meno invasiva per ripristinare uno spazio edentulo del cavo orale. L’ intervento per l’inserimento di un impianto è ormai considerato “routinario” in considerazione sia della semplicità di esecuzione e sia dei minor rischi, immediati e di lungo corso, che si affrontano utilizzando le giuste precauzioni e i migliori materiali di settore.

2. Quanto dura un intervento per mettere gli impianti?

L’intervento necessità di diversi tempi di esecuzione che varia in relazione al numero di impianti da inserire. A titolo esemplificativo ma non esaustivo abbiamo lo studio Erra attesta una stima temporale di circa 30 minuti per il primo impianto e 20 minuti per ogni impianto successivo.

3. Quali sono i migliori accorgimenti per evitare il rigetto dell’ impianto?

In via generale e probabilistica può affermarsi inesistente il rigetto dell’ impianto. E’ da considerarsi ovviamente fondamentale la scelta dei materiali, la linea implantare e la capacità di posizionamento dell’impianto stesso. In tal senso è orientata la scelta dello studio convenzionato finalisticamente diretta alla maggior tutela della salute odontoiatrica del paziente: si utilizzano, infatti , solo impianti di prima scelta.


A riguardo della linea implantare si è scelto, dopo anni di esperienza nel campo dell’ implantologia dentale, di utilizzare due linee implantari leader nel mondo odontoiatrico: STRAUMANN e WIN SIX. La prima, svizzera, da ormai 30 anni redige le regole nel campo; la seconda, italiana, vanta gli studi più importanti sul territorio essendo la prima scelta dell’ ospedale S. Raffaele di Milano.


Ultimo accorgimento ma non meno importante in relazione alla capacità di un eccellente posizionamento è l’ utilizzo della chirurgia guidata: una procedura che garantisce il miglior allineamento anatomico dell’ impianto con notevole riduzione dei tempi di lavoro sopra menzionati.

5. Il dente viene fissato subito sull’ impianto?

È il quesito più ricorrente nell’ambito della implantologia rispetto al quale si può distinguere tra carico immediato e carico differito. Nel caso in cui clinico e paziente scelgano il carico differito bisognerà attendere un periodo di osteointegrazione variabile tra i 60 e 120 giorni in base alla qualità ossea rilevata nel caso in esame. Una decisione generalmente prospettata al paziente in mondo consensuale nello stessa seduta dell’ intervento.

PRENOTA UNA VISITA

Torna su