Rimozione delle otturazioni dentarie Metalliche: non soltanto per estetica, principalmente per salute!

Introduzione: Cos’è la ricostruzione in amalgama delle otturazioni metalliche?

La ricostruzione in amalgama ha rappresentato la soluzione più veloce e duratura per anni per la cura dei denti. L’amalgama oltre ad esser sempre stata un materiale antiestetico, si è rivelata anche nociva.

Tossicità dell’amalgama

Le otturazioni in amalgama sono per il 50 % composte da mercurio , un metallo volatile che evapora in bocca durante la masticazione di un chewing-gum, quando si beve un caffè, o quando semplicemente si mastica un alimento. Il mercurio viene assorbito dall’organismo e va a depositarsi in organi vitali quali cervello, fegato, reni , polmoni . L’accumulo di Mercurio compromettendo il sistema immunitario espone ad intossicazioni che sfociano in disturbi cronici più o meno gravi quali vertigini , tremori , parestesie, disturbi del linguaggio, della memoria , Alzheimer, allergie del tipo IV , piuttosto che reazioni autoimmunitarie.

Perchè rimuovere l’amalgama

L’organizzazione mondiale della sanità OMS ha asserito che l’amalgama dentale è la maggior fonte d’esposizione al mercurio per l’uomo . È vero che parliamo di quantità minime, ma è pur vero che le otturazioni sono in bocca 24 ore su 24 per anni .Questo il motivo per cui si raccomanda la rimozione dell’amalgama il prima possibile.

È necessario sottoporsi, dunque , a rimozione dell’amalgama Innanzitutto per necessità cliniche generali, come allergie, intolleranze o intossicazioni, oltre che per la necessità estetica di riappropriarsi di un sorriso sano, bianco e luminoso, eliminando le evidenti alterazioni cromatiche causate dalle vecchie otturazioni metalliche.

AUTORE

CONDIVIDI QUESTO ARTICOLO

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su email
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su twitter
Torna su